Nasce l’intesa tra l’Assessorato dell’Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale, e l’Unione Regionale Cuochi Sardegna

Mercoledì 24 gennaio è stato firmato a Cagliari un protocollo d’intesa che sancirà un evento importante collaborazione tra l’Assessorato all’Agricoltura e alla Riforma Agropastorale e l’Unione Regionale Cuochi Sardegna (URCSA), il cui scopo principale è la promozione e la tutela della cultura enogastronomico isolano, considerato un biglietto da visita per la regione Sardegna, in Italia e resto del mondo.

“L’Assessorato dell’Agricoltura e l’URCSA, attraverso l’agenzia Laore, organo di attuazione dei programmi regionali in campo agricolo e per lo sviluppo rurale, si impegnano a tal fine a organizzare e promuovere attività che mirino alla “tutela del territorio, a migliorare e garantire la qualità della produzione primaria e della cultura gastronomica intesa come patrimonio storico e culturale”

Si impegnano a diffondere l’informazione, l’identificazione, l’origine e la conoscenza dei prodotti agroalimentari favorendo la loro classificazione e valorizzazione lungo la filiera, per con sentire la rintracciabilità e la trasparenza nel mercato di riferimento nonché la loro diffusione con particolare riguardo all’offerta di quelli tipici e/o locali, anche attraverso la rete delle attività o delle strutture ristorative.

“Si tratta”, come dichiara l’assessore Valeria Satta, “di un momento importante in linea con quanto fatto negli scorsi mesi per la valorizzazione della nostra enogastronomia, che passa anche attraverso i cuochi, che sono gli ambasciatori del Made in Sardegna nel mondo.”
“L’obiettivo”, continua Satta, “è iniziare un percorso di iniziative comuni per far conoscere
a cittadini italiani e stranieri la grande qualità dei nostri prodotti.”

L’Unione Regionale Cuochi Sardegna, organo facente parte della più articolata Federazione Italiana Cuochi, individuato dagli organi istituzionali risulta, attraverso il suo Presidente Marcello Sanna, l’organizzazione ideale per intraprendere questo ricco percorso.
“Attraverso i nostri cuochi trasmettiamo delle emozioni all’estero” asserisce Marcello Sanna, è importante “avvicinare il mondo agricolo a quello della cucina. Il legame tra il nostro lavoro e le materie prime è stretto ed è alla base di una cucina di qualità”